Quali sono i vantaggi del Bando INAIL 2022?

Il Bando INAIL 2022 (che porta ancora il nome di Bando 2021 ma che ha effetto a partire dal nuovo anno) è pensato per aiutare le aziende che hanno la necessità di compiere interventi atti a migliorare la salute e la sicurezza dei propri lavoratori. Rientrano in questo tipo di attività anche i trattamenti relativi all’amianto.

 

Le novità introdotte nel Bando INAIL 2022

Il fondo complessivo messo a disposizione per finanziare il Bando INAIL 2022 è di 247 milioni di euro, cifra che verrà poi suddivisa tra le varie regioni. È interessante notare come quest’anno sia stata istituita un’apposita linea per gestire le bonifiche dell’amianto, che viene mantenuta separata da altri tipi di interventi relativi alla messa in sicurezza dell’ambiente di lavoro, tra cui:

  • raccolta, trattamento e smaltimento dei rifiuti e del recupero e preparazione per il riciclaggio dei materiali (codice Ateco E38);
  • risanamento e altri servizi di gestione dei rifiuti (codice Ateco E39).

Le aziende interessate potranno ricevere un contributo a fondo perduto pari al 65% della spesa sostenuta, con un valore massimo di 130.000 euro. Le imprese appartenenti al settore agricolo, invece, potranno godere di una percentuale di rimborso pari al 50% dei costi, con un massimale di 60.000 euro.

Sono esclusi dalle agevolazioni coloro che hanno già usufruito dell’incentivo ISI INAIL 2017, 2018 e 2020, o dell’ISI Agricoltura 2019/2020. Non devono inoltre essere pendenti condanne di alcun genere, in particolare di omicidio colposo o lesioni personali correlate alla violazione delle norme di prevenzione e sicurezza sul lavoro.

 

Come si fa la domanda per ricevere i finanziamenti

Per partecipare al Bando INAIL 2022 è necessario che le aziende presentino domanda per via telematica. Se si rientra nei requisiti sopra descritti e si supera la soglia minima di ammissibilità di 120 punti, si potrà usufruire delle agevolazioni. Si ricorda, però, che i beneficiari verranno scelti anche in base all’ordine di candidatura.

La domanda può essere trovata e spedita direttamente dal portale ufficiale dell’INAIL, anche se attualmente non sono ancora state rilasciate le date specifiche per le varie fasi relative al Click Day. Il modo migliore per rimanere aggiornati in merito all’apertura del bando è quello di consultare il sito dell’INAIL così da non perdere l’apertura ufficiale delle candidature.

 





Può interessarti anche: