Prezzo calmierato per l’amianto

Adottare un prezzo calmierato per lo smaltimento dell’amianto, è una soluzione interessante che garantisce ai privati una discreta protezione economica. Effettuare interventi di bonifica, infatti, può essere molto dispendioso, tanto da spingere i cittadini a liberarsi in maniera irregolare del pericoloso minerale (che si ricorda essere bandito per legge dal 1992).

 

Perché adottare il prezzo calmierato per lo smaltimento è conveniente

I Comuni e le Regioni che hanno già optato per l’opzione del prezzo calmierato per lo smaltimento dell’amianto, riportano dati rilevanti in termini di risparmio. Mettere in sicurezza delle aree contaminate con piccole quantità di asbesto, può risultare molto costoso (si parla anche di 600 euro per una piccola tettoia), soprattutto per i privati che optano quindi per l’abbandono.

Tuttavia, intervenire sulle discariche a cielo aperto o abusive, risulta molto più dispendioso per i vari enti, ecco perché aiutare i cittadini con delle agevolazioni e dei costi fissi, può portare ad un concreto beneficio economico per tutti. La soluzione più conveniente è quella di fissare un tetto massimo di spesa per gli interventi, con un sostegno attivo da parte della pubblica amministrazione.

Di finanziamenti per le bonifiche ne esistono molti, ma non tutti i Comuni hanno piani chiari per sostenere coloro che decidono di agire privatamente. Arrivare alla soluzione estrema dell’abbandono in luoghi isolati è quindi piuttosto comune, soprattutto in aree difficili come il Sud Italia. Il sostegno economico diventa quindi fondamentale per evitare disastri ambientali e rischi per la salute.

 

A Oristano si sta pensando al prezzo calmierato

Uno dei Comuni che più di recente si è trovato a valutare la possibilità di applicare il prezzo calmierato agli interventi di bonifica è Oristano. Qui, la giunta ha riportato molti casi di discariche abusive, nelle quali sono stati ritrovati anche materiali contenenti amianto.

In una riunione della Commissione Consiliare, si è discusso di argomenti importanti come: Ambiente, Agricoltura, Igiene e Decoro della Città, Verde Pubblico e Privato. Fra questi argomenti è emerso anche il problema dello smaltimento irregolare dell’asbesto, che può portare al rilascio della pericolosa fibra killer.

La Commissione ha espresso la volontà di arrivare ad un accordo con le aziende che si occupano di rimozione dell’amianto, ricorrendo proprio ad un prezzo calmierato per i privati, in particolare per quel che riguarda i piccoli interventi. Un aiuto concreto sostenuto con appositi finanziamenti.