Manufatti MCA: arriva la micro-raccolta a Torrile

Lo smaltimento di manufatti MCA (Materiali Contenti Amianto) è un’operazione onerosa per i cittadini, che spesso desistono dal compierla proprio a causa degli elevati costi. Il Comune di Torrile ha quindi deciso di aderire a quanto previsto dal Piano Regionale Amianto, ideando insieme a Iren e con Ausl Parma un servizio agevolato di raccolta.

 

Come funziona il servizio di raccolta dei manufatti MCA?

Ispirandosi a quanto già avviene in altre regioni, il Comune ha deciso di fornire ai cittadini tutto l’occorrente per preparare in sicurezza piccole quantità di manufatti MCA, in modo che Iren Ambiente possa poi provvedere al ritiro e allo smaltimento senza alcun costo aggiuntivo per il privato.

Le linee guida in merito ai limiti quantitativi e allo stato dell’artefatto sono tassativi: esso deve infatti essere compatto, privo quindi di eventuali frammentazioni che possano rilasciare le pericolose fibre killer tipiche dell’asbesto.

Le quantità ritirabili sono su base annua e non si possono suddividere in più anni. Inoltre, non è possibile frazionare gli interventi che prevedano la rimozione del medesimo materiale (es. tettoia in lastre). Il servizio è relativo alle sole utenze domestiche, su richiesta dell’intestatario della proprietà in cui si trova l’artefatto da smaltire.

 

I passaggi per richiedere il ritiro sono agevolati

L’interessante iniziativa ha l’obiettivo di aiutare gli utenti privati ad eliminare piccoli manufatti MCA senza doversi sobbarcare l’onere di sostenere le relative spese. Un prezioso incentivo che permette di portare avanti l’incessante lotta contro l’amianto che ha già mietuto tante vittime in passato.

Tutto quello che deve fare il cittadino per fare richiesta di tale servizio è compilare il POS (piano operativo semplificato), ovvero un documento indispensabile che va poi consegnato all’Ausl la quale solo dopo averlo ricevuto darà il via libera ai lavori. Lo si può scaricare direttamente dal sito dell’ente oppure ritirare a mano agli uffici del medesimo.

Una volta accettato l’incarico verrà fornito al cittadino un apposito KIT contenente tutti i dispositivi di protezione individuale e gli strumenti necessari per preparare in sicurezza l’artefatto da smaltire. Quando il tutto sarà correttamente imballato e protetto, basterà attendere l’arrivo degli addetti.

Il servizio è estremamente vantaggioso e semplice da utilizzare. Proprio ciò che serve per promuovere uno smaltimento attento e scrupoloso dei pericolosi materiali edili. Ci si auspica che sempre più comuni in tutta Italia adottino queste procedure, con l’obiettivo di mettere la parola fine all’amianto.





Può interessarti anche: